Caccia all’errore. Un premio a chi ne trova dieci

Dal 29 febbraio il nostro sito è on line. Subito avvisati i parenti stretti, gli amici più fedeli, gli affezionati clienti. Le reazioni? Entusiastiche. Per il primo minuto.
Poi arrivano le prime, imbarazzanti segnalazioni: qui l’accento è sbagliato, là manca una virgola, un link non funziona, c’è una parola inglese scritta all’italiana. ARGH. Nonostante tutta l’attenzione, il data entry si è rivelato talmente impegnativo da provocare più di una svista, qualche refuso, un paio (di dozzine) di errori di battitura, alcuni bug. Dunque, consapevoli del fatto che rileggere tutto per l’ennesima volta non porà – oggettivamente – garantire una perfetta correzione di bozze, invitiamo chiunque a segnalarci gli errori, più o meno gravi. Non ci offenderemo, anzi. A chi ci segnalerà 10 (dieci) “sviste” di qualsiasi genere spediremo un regalo esclusiverrimo.

Coraggio allora, al lavoro!
PS: come da regolamento, saranno ritenute valide solo le segnalazioni corredate di un’accurata descrizione del posizionamento all’interno del sito. Ovvero: diteci dove stanno.

E se navigando il nostro sito incontrerete un testo simile a questo:

Lorem eccellerem mil ma quiaerchicil mos et aut am quo il molupta temquid
mod miliquia ditenda ecereperum harum erum reperunt offictendi nobis iuribus
piderrunt, nonem et, quidipis qui odis re ressima gnihictia audit et quas eligni
hil esectist aut quiderum lab int ut voloreicture verorem possereriam vel eatis
que inti quunt…

non state a cercare errori. Sembra una qualche forma di latino, ma è tutto inventato, si chiama “testo finto”.

Photo by Unsplash di Jon Tyson@jn1434